fbpx

MATURITÀ 2021: modalità d’accesso e step fondamentali

Scritto da Imma Galluccio Il . Inserito in Il Palazzo

Maturità 2021

A pochi giorni dal rientro delle superiori al 50% dovuto al passaggio in zona arancione della Campania, dopo più di un mese in zona rossa, e a poco meno di un mese alla maturità chiariamo gli step fondamentali e le modalità di accesso a questa maturità “semplificata” dovuta soprattutto un anno e mezzo di DAD.

Lo svolgimento della prova di maturità 2021 sarà molto simile a quella dell’anno scorso, saranno eliminate le due prove scritte e i maturandi dovranno affrontare un’unica prova orale, la commissione sarà formata 6 membri interni facente parte del corpo docenti e dal Presidente, membro esterno.

Quest’anno a differenza dello scorso anno gli alunni dovranno avere almeno la sufficienza in tutte le materie, in caso contrario non potranno accedere alla prova d’esame, non sarà più richiesto inoltre l’obbligo di partecipazione al PCTO (ex alternanza scuola lavoro) e alle prove invalsi.

Entro e non oltre il 30 aprile ad ogni studente verrà assegnato un elaborato secondo le materie di indirizzo che variano tra liceo, tecnici e professionali, i maturandi avranno a loro disposizione 30 giorni per svilupparlo e consegnarlo.

Le prove d’esame inizieranno a livello nazionale il 16 giugno, il colloquio che durerà circa un’ora comprenderà quattro step fondamentali:

  1. Discussione dell’elaborato sulle materie d’indirizzo consegnato il 30 maggio;
  2. Lettura e comprensione di un testo d’italiano ripreso da quelli studiati durante l’anno;
  3. Discussione interdisciplinare sorteggiando un testo un'immagine, affrontato dagli studenti nel corso dell’anno. Gli studenti partendo dal testo sorteggiato dovranno poi collegarlo alle altre discipline comprese nel corso di studi, creando un colloquio multidisciplinare;
  4. Discussione dell’esperienza di PCTO e delle ore di educazione civica svolte nel corso dell’anno.            

La prova d’esame sarà valutata con un massimo di 40 punti mentre i 60 punti restanti saranno il risultato della somma dei punti di credito raccolti durante il triennio.

Quest’anno inoltre è stata introdotta una novità, il curriculum dello studente che conterrà tutte le competenze curricolari ed extracurricolari che lo studente ha acquisito durante i cinque anni di scuola superiore, di questo verrà tenuto conto durante la prova d’esame e inoltre verrà rilasciato con il diploma.

Questo documento avrà, quindi, la funzione di un vero e proprio curriculum e orienterà lo studente verso il mondo del lavoro oppure a una scelta universitaria indicata secondo quelle che sono le competenze acquisite.

Anche se quest'anno e mezzo è stato per gli studenti un anno difficile da affrontare in cui è mancato lo spirito fondamentale della scuola cioè quello della socialità e dello stare insieme, i nostri ragazzi sono andati avanti affrontando le difficoltà della rete, del lockdown obbligatorio e rinunciando a quella che era la vita scolastica. La vita è andata avanti e la generazione Z sarà anche quella più segnata dai tempi della pandemia, ma che porterà in sé la volontà di uscire dallo stallo che ha comportato la pandemia e di ritornare alla vera normalità, guidando così il progresso delle generazioni future.